INTELLIGENZA ARTIFICIALE. QUALE RELAZIONE CON GLI UMANI?

David Orban

Elio Occhipinti ha intervistato DAVID ORBAN sull'intelligenza artificiale e il suo impatto suglli umani

Il tema è rilevante: possono le "tecnologie esponenziali", come AI, robotica, Internet delle cose, consentire a singoli individui e organizzazioni complesse di apprendere, fare rete e innovare utilizzando soluzioni acceleranti?  e …come saranno le relazioni tra AI e persone in un prossimo futuro? QUI trovate l'intervista a David Orban. 

C'è una affermazione di Orban che è davvero intrigante e riguarda l'intelligenza artificiale (AI). E' questa: "Le Intelligenze Artificiali avranno, invece, una capacità che noi potremmo un domani interpretare come cinicamente manipolatrice, poiché saranno capaci di esprimere e covare emozioni qualora dovesse servire, ma anche, semplicemente, di non farlo, qualora non lo considerassero “necessario”".

AI potrebbe scegliere, secondo Orban, se usare le emozioni o non usarle. A differenza degli umani l'emozionalità sarebbe discrezionale e soggetta ad un algoritmo…che analizzerebbe la complessità del contesto con un modello molto più analitico e completo di quanto gli umani possano fare. E' una prospettiva che può inquietare e porre diversi problemi per lo sviluppo di AI. Orban però prosegue col suo ragionamento su AI e risponde con queste affermazioni: 

– potremo intervenire e influenzare l’Intelligenza Artificiale, anche se in gran parte il suo percorso evolutivo sarà definito da decisioni esclusivamente dell’AI e  indipendenti dalla nostra volontà;

– è probabile, invece, che sia l’Intelligenza Artificiale a influenzare la vita umana: così come oggi si bonifica un luogo insalubre, allo stesso modo l’Intelligenza Artificiale potrà intervenire – si spera in modo morbido – per modificare il comportamento della civiltà umana. 

Il dibattito è aperto! E per alzare ancora di più la "sfida" ci sono, nel mondo,  diversi progetti per la creazione di DNA sintetico.

Vedasi:

– Wyss Institute for Biologically Inspired Engineering presso la Harvard University: hanno progettato sequenze di DNA sintetiche in grado di crescere in modo autonomo e di auto-assemblarsi: https://oggiscienza.it/2017/11/16/dna-sintetico-robot-molecolari/;

– genoma sintetico del lievito: http://www.datamanager.it/2017/03/dna-sintetico-vicini-alla-ricostruzione-del-genoma-artificiale/)

– JCVI-syn3.0” – la cellula “sintetica: https://www.avvenire.it/agora/pagine/batterio-venter-vita-sintetica-dna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.